Archivio per la categoria ‘Musica Elettronica’

IL “3D AUDIO” reale e virtuale.

22 Marzo 2019

Durante la lavorazione di Elettroacqua3d prodotto in collaborazione con il cantautore Marco Di Noia ho avuto l’opportunità di studiare e approfondire concetti relativi alla ricostruzione di ambienti sonori virtuali ascoltabili tramite cuffie e auricolari.

La creazione di ambienti 3d – Audio VIRTUALI prevede l’uso di funzioni di trasferimento denominate “HRTF”: Head Related Transfer Function. In pratica l’orecchio umano localizza un suono, sia fermo che in movimento nell’ambiente, codificando la differenze di fase e di intensità con cui il suono proviene alle orecchie oltre alle riflessioni e rifrazioni del suono nell’ambiente in cui si trova immerso e al filtraggio dei padiglioni auricolari, della testa e del tronco.

La differenza di fase è importante per suoni che abbiano lunghezza d’onda superiore alla grandezza della testa (distanza tra i padiglioni auricolari), mentre per suoni superiori a 1 khz l’orecchio tende a utilizzare principalmente le differenze di intensità. Un altro aspetto che permette la localizzazione è l’effetto DOPPLER che non viene qui considerato in quanto è rilevante esclusivamente per fonti sonore che si muovano ad alta velocità.

Questi algoritmi sono implementati in software di musica elettronica usati in ambito accademico quali Csound.

Allego qui una schermata di una score e una orchestra di Csound che simula il posizionamento dinamico di un suono nello spazio.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

L’opcode “hrtfreverb” simula le prime riflessioni (early reflection) del suono nella stanza, tramite le quali siamo in grado di localizzare la provenienza del suono.

Qui trovate i relativi esempi audio: HRTF in Csound

Queste tecniche sono state implementate in alcune DAW commerciali tra cui Logic Pro X. Logic permette di posizionare e muovere una sorgente sonora tramite un panner binaurale (che però non gestisce le riflessioni nell’ambiente).

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

(altro…)

3D AUDIO IN CSOUND

22 Marzo 2019

3D AUDIO IN Csound – HRTF
La creazione di ambienti 3d – Audio VIRTUALI prevede l’uso di funzioni di trasferimento denominate “HRTF”: Head Related Transfer Function. In pratica l’orecchio umano localizza un suono, sia fermo che in movimento nell’ambiente, codificando la differenze di fase e di intensità con cui il suono proviene alle orecchie oltre alle riflessioni e rifrazioni del suono nell’ambiente in cui si trova immerso.
La differenza di fase è importante per suoni che abbiano lunghezza d’onda superiore alla grandezza della testa (distanza tra i padiglioni auricolari), mentre per suoni superiori a 1 khz l’orecchio tende a utilizzare principalmente le differenze di intensità. Gli algoritmi HRTF simulano anche gli assorbimenti e le rifrazioni del torso e dei padiglioni auricolari.
Questi algoritmi sono implementati in software di musica elettronica usati in ambito accademico quali Csound.
Allego qui una schermata di una score e una orchestra di Csound che simula il posizionamento dinamico di un suono nello spazio.

Qui il file originale:

E il file elaborato e immerso nello spazio tridimensionale:

Sintesi additiva e granulare: un pad intonato.

22 Marzo 2019

Mi piace sperimentare con diverse tecniche di sound design e diversi software, in questo caso sono partito da Csound che è il software principale in ambito accademico:
ho fatto una sintesi additiva a spettro variabile di sinusoidi:

Il “Materiale Audio” ottenuto l’ho importato in modalità granulare nel sintetizzatore “Alchemy” che si trova in Logic Pro X e ho ottenuto un suono di pad che ho suonato formando una texture.

Questo suono è possibile utilizzarlo anche “melodicamente” in quanto è mappato su una estensione di 88 tasti.

É solo un piccolo esperimento, un gioco, ma tenere la mente attiva con il sound design e produrre nuove timbriche mi diverte sempre!

Elettroacqua3d – Live

8 Marzo 2019

Presso lo studio I.T.B. Project Studio si sono svolte le prove del live sperimentale di elettroacqua3d. Il live in 3daudio con mix verrà presentato da Stefano Cucchi da Marco di Noia e da Alberto Cutolo del “Massive Arts” il giorno 15 Marzo presso mare culturale urbano in un evento in cui gli spettatori grazie alle cuffie wireless potranno godere di una particolare…e nuova esperienza sonora.
L’evento è sponsorizzato da LEM international
 che fornirà le sue cuffie sx553 EvolutionHiFi.
SYLENTSYSTEM ® è la prima azienda leader nella fornitura e nel noleggio di sistemi audio senza fili per eventi musicali e non solo, presente nel mercato italiano ed europeo con una disponibilità di oltre 20000  cuffie wireless multicanale.

 

elettroacqua3D – l’avventura continua

31 Gennaio 2019

La nostra app. “elettroacqua3d” è uscita ad ottobre a ha avuto un ottimo riscontro, particolarmente gratificante è stato un articolo su “Il corriere della sera” e la copertina dell’edizione on-line di Billboard Italia.
Ma non ci fermiamo qui!

Billboard Italia

Ci si prepara ai live, anche in questo caso saranno qualcosa di innovativo.
Qui ci potete vedere all’opera nel mio studio con Alberto Cutolo che avrà un importante ruolo artistico nei live…un piccolo indizio…stiamo provando delle cuffie wireless.

Noise Shape

25 Ottobre 2018

I PC (o i MAC) dei musicisti sono ormai pieni di giga e giga di suoni, di campioni, di strumenti, belli e pronti all’uso…ma qualche volta è bello tornare indietro…al rumore bianco e alla sintesi sottrattiva.
Ho usato Csound con un generatore di rumore e un filtro passa banda risonante con una randomizzazione del della ampiezza di banda, poi ho moltiplicato (sintesi AM) per un inviluppo ciclico molto veloce.
Variando i parametri in maniera casuale/sperimentale ho ricavato 6 file. Li ho poi importati in Logic Pro X, applicato una quantizzazione audio e aggiunto un tremolo.
Ho fatto praticamente una texture ritmica con risonanze dettate dal finto e dalla frequenza dell’inviluppo ciclico che, portato in banda audio, genera, bande sonore laterali.
Non si tratta di un vero e proprio brano, giusto un esperimento…ben riuscito!

Absynth – Assenza

22 Ottobre 2018

Il mi studio “I.T.B. Project Studio” si occupa anche di produzioni synth-pop, principalmente “In The Box” con pochi ma SELEZIONATI software.
Di seguito un esempio di sonorità elettroniche fatte con alcuni strumenti della “Native Instruments” tra cui Absynth 5 per i PAD, Battery per le ritmiche e Massive per il LED.
In più c’è un suono a cui sono molto affezionato che è il celeberrimo piano della Korg M1, qui in versione VST e un ottimo VST free Helm.

ARP 2600

24 Giugno 2017

Ho provato l’ARP2600, uno dei sintetizzatori che hanno fatto la storia della musica elettronica.
In Italia che io sappia ne sono rimasti un paio, e uno di questi si trova ai “Metropolis Studio” di Milano, fortunatamente vicino a casa mia.
Ho provato una emulazione software per capire la logica di funzionamento non immediata (si tratta di un synth pre-pachato con possibilità di bypass delle connessioni interne tramite minijack).

Il risultato…lo sentirete nel mio album, a breve!

loop di conga – Csound

3 Febbraio 2017

Stavo provando a processare dei loop ritmici ma non avevo voglia di scrivere line di codice, così ho provato con un file della “McCurdy Collection” (collezione che trovate gratuitamente con l’installazione standard di Csound) che si chiama “delayCompletedPitchShifter.csd”.
Questi file offrono anche una interfaccia grafica per importare il proprio file wave da processare e per impostare e variare i parametri in tempo reale.

Per ottenere un file audio del processo è sufficiente inserire l’opcode “fout” (con relativi parametri) prima dell’azzeramento delle variabili, e Csound scriverà un file audio nella locazione specificata (di default la cartella in cui si trova il file di Csound”.

In seguito 2 esempi.

conga_delay_pitch_01

conga_delay_pitch_02

Dx7 – back to the eighties

8 Agosto 2016

E’ estate, tempo di vacanza, ma i musicisti non staccano mai del tutto.
Ho altri impegni in questi giorni, ma mi piace comunque giocare coi suoni senza alcuna velleità compositiva: un divertimento, ho immaginato di essere Alan Parson nel 1983 e di avere a disposizione solo una yamaha dx7.
E’ sempre stato uno dei miei synth preferiti e ne ho uno nel mio home studio.

Oggi ho provato una sua versione software scaricabile free dal web: DEXED
Due accordi, qualche texture con un arpeggiatore, dei suoni percussioni ottenuto con alto indice di modulazione…questo è quanto…
dx7_demo

Arichivio