L’ultima arrivata: Kurzweil PC361

E’ da qualche mese che questo synth è entrato nel mio parco macchine, l’ho usato in tournèe coi “Rondo Veneziano”, coi “Picotage” e per qualche lavoro in studio.
Mi serviva un synth “tuttofare”, comodo e leggero da portare “abbinato a una custodia/trolley”, con una buona tastiera e un buon tocco, con una tavolozza di suoni che potsse coprire tutte le  mie necessità e di costo accessibile.
Dopo averla testata a fondo  posso dire di esserne soddisfatto!
….
….

Il retro con i collegamenti: 2 coppie di uscite audio assegnabili, 3 collegamenti per pedali switch e 2 per pedali continui, USB to device….

Il display: sufficientemente grande e con le comode regolazioni della luminosità e del contrasto.

L’emulazione di organo Hammond con le drawbars.

I controlli con i comodi pulsanti illuminati di diverso colore secondo la funzione.
….
….
….
.
…..
….

….
….

MI SONO TROVATO BENE CON QUESTO STRUMENTO:

  • I suoni Kurkwei sono di ottima qualità.
  • Lo strumento è leggero e trasportabile.
  • Ci sono centinaia di suoni PRONTI per l’uso di TUTTI i tipi: dagli analogici agli orchestrali, ai pianoforti.
  • L’emulazione dell’ organo Hammond è di buona fattura, addentrandosi nella programmazione è possibile apprezzare i numerosi parametri che consentono di avere un suono che si adatti al proprio stile.
  • Il software di editing è semplice ed intuitivo anche se la V.A.S.T. è….vasta e complessa. Si può comunque accedere da pannello ai parametri principali e fare quelle modifiche “al volo” che si possono rendere necessarie in contesti “live”.
  • Il salvataggio di suoni e impostazioni su xd card è comodo ma mi chiedo perchè non sia possibile salvarlo su una memoria memoria flash USB…
  • Non c’è un manuale completo! C’è una guida di utilizzo (un bel malloppone comunque) che spiega concetti e funzioni principali, poi è necessario….sperimentare!
  • Non ha trasformatore esterno, questa è una cosa che odiavo del PC1 che avevo in precedenza.

Non esiste una macchina perfetta, ognuno sceglie secondo le proprie esigenze ma certamente il PC361 ha un ottimo rapporto QUALITA’ – PREZZO.

Buona musica a tutti.
Stefano.



Condividi su:
  • PDF
  • Print
  • Add to favorites
  • Facebook
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Ping.fm

Tags: , ,

2 commenti a “L’ultima arrivata: Kurzweil PC361”

  1. Stefano Rossignoli dice:

    Bello anche se non sarà perfetto! …un pizzico di sana invidia…anche se ho sempre nel mio studio la TUA Yamaha SY85 …Gran macchina per i tempi che correvano!

  2. Stefano dice:

    Beh, sono contento che tu la usi! Mi è sempre piaciuto il vecchio suono yamaha, ora mi “accontento” della DX7…
    Ma quella SY85 ne ha passate tante!

Arichivio