Tchaikovsky – Danza araba – Il pedale doppio tonica/dominante

Il pedale è un artificio compositivo solitamente destinato a momenti particolari dell’architettura di un brano: un incipit con un pedale di tonica, un lungo pedale di dominante prima della conclusione, un pedale su cui si innestano gli stretti di una fuga…

E’ raro trovare interi brani concepiti su un unico pedale, si possono trovare nella musica popolare: pensiamo alle cornamuse che hanno una canna melodica e una di “bordone” con nota fissa, ma siamo fuori dal campo della musica classica.

Ancora più raro è trovare brani concepiti su un pedale doppio; la “Danza Araba” di Tchaikovsky dalla suite dello “Schiaccianoci” è uno di questi.

E’ un brano completamente costruito su un pedale doppio di tonica & dominante.
Prima le viole coi violoncelli, poi i violoncelli coi contrabbassi suonano il sol (tonica) e il re (dominante) per tutta la durata del brano.

E’ chiaro che sul pedale si formano delle armonie dissonanti, ma Tchaikovsky ha l’accortezza di attirare l’attenzione sui temi e sui suoi contrappunti e non sulle dissonanze anche aspre che si vengono a creare.

Da notare che il primo tema esposto dai due clarinetti e dal corno inglese comincia con 2 note dissonanti sul pedale e tra loro in intervallo di 4′: sembrano 2 appoggiature che risolvono sul re.
I temi sono quasi sempre accompagnati per terza, spesso lo sono anche i contrappunti.
Sono anche orchestrati a coppie di strumenti uguali: a battuta 32 il tema è in terza ai violini mentre il contrappunto è in terza ai fagotti; le terze sono consonanti, si riesce così a equilibrare le dissonanze che si formano col pedale o tra la voce e il suo contrappunto.

A battuta 56 c’è un tema “singolo” dell’ oboe che sarà poi ripetuto dal Corno inglese una ottava sotto (anche la parte degli archi sarà affidata ai violini primi e alle viole anziché ai violini primi e secondi).

A battuta 65 le frasi tornano ad abbreviarsi: brima 4, poi addirittura 2 misure; ci si avvicina alla cadenza conclusiva: potrebbe essere una cadenza “Sol minore – Sol maggiore”, anche se in partitura il fagotto è indicato “La# – Si” forse per indicare una “sensibilizzazione” della terza minore, in ogni caso all’orecchio suona come un cambiamento di modo da minore a maggiore.

Non saprei a cosa si debba l’appellativo “araba”, non ci sono quelle caratteristiche idiomatiche che venivano considerate arabe nell’ ’800: pensiamo all’utilizzo di scale con 2 grado diminuito o scale comprendenti intervalli eccedenti, forse l’orchestrazione così leggera può dare l’idea di un deserto, poi l’oboe che dà un senso di lontananza, la sonorità “liquida” dei clarinetti…ma sono mie sensazioni.

Di seguito una riduzione [ai minimi termini] del brano in questione, ho evitato di continuare a scrivere il pedale oltre la prima riga, si consiglia però di studiare attentamente in partitura le sottigliezze delle varie presentazioni ritmiche del pedale, nonché l’accuratezza dell’orchestrazione, da me completamente trascurata.

[N.B. I numeri di battuta si riferiscono al mio esempio e non alla partitura originale in quanto ho introdotto dei ritornelli che in originale erano scritti per esteso]

Se desiderate il PDF dell’articolo:
schiaccianoci_danza_araba.pdf



Condividi su:
  • PDF
  • Print
  • Add to favorites
  • Facebook
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Ping.fm

Tags: , , , ,

I commenti sono chiusi.

Arichivio