Silent Night

Propongo una armonizzazione jazzistica di un classico Natalizio: “Silent Night” di F. Gruber.
Essendo un brano universalmente conosciuto è difficile risalire a quale sia la versione originale, in ogni caso ho sempre trovato armonizzazioni semplici che non si discostavano dai gradi principali della scala (tonica, dominante, sottodominante). Ho provato ad arricchire l’aspetto armonico, ma è opportuno ricordare che non sempre “arricchire” significa “migliorare”, in questo caso ho voluto mettere un “vestito nuovo” alla melodia.

Non ho scritto volutamente le siglature degli accordi impiegati: è importante quando si scrive una armonizzazione considerare, non il blocco accordale, ma i movimenti delle singole voci!
Ho inserito qualche voce interna evidenziata dalla diversa direzione dei gambi delle note, pur avendo curato l’aspetto lineare delle singole voci ho badato molto al “colore” degli accordi.
In una qualsiasi armonizzazione si può decidere se dare predominanza al carattere lineare o alla sonorità delle singole armonie. La musica jazz permette una grande libertà di movimento, spesso data la velocità di esecuzione le mani “cadono” sull’accordo; proprio per questo motivo scrivere e pensare una armonizzazione a tavolino è utile per trovare nuove vie.

Se desiderate il PDF dello spartito:
silent_night_Jazz.pdf
Se desiderate l’mp3 del brano:
silent_night_jazz.mp3



Condividi su:
  • PDF
  • Print
  • Add to favorites
  • Facebook
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Ping.fm

Tags: , , ,

I commenti sono chiusi.

Arichivio