BLUES in MI

Realizzazione di un voicing per pianoforte di un blues in mi maggiore.

IL BLUES: Tutti i musicisti hanno suonato almeno una volta nella loro carriera un blues, tutti i chitarristi suonano il blues in Mi, tutti i pianisti hanno incominciato a improvvisare utilizzando le pentatoniche su un blues. La struttura tradizionale in 12 misure utilizza 3 accordi di settima di dominante costruiti sul 1′, sul 4′ e sul 5′ grado della scala, io vorrei proporvi una struttura un po’ più elaborata che ci permetta di utilizzare accordi diversi e cadenze diverse all’interno del brano.

Blues tradizionale in 12 battute:

  • 4 misure sul 1′ grado
  • 2 misure sul 4′ grado
  • 2 misure sul 1′ grado
  • 2 misure sul 5′ grado
  • 2 misure sul 1′ grado

Notate che tutti gli accordi sono accordi di SETTIMA DI DOMINANTE.
Ho indicato il grado della scala e non l’accordo in sè, perché questo vuole essere un modello per il blues in qualsiasi tonalità.
La dicitura “settima di dominante” può apparire fuorviante in quanto non c’è né risoluzione armonica né melodica: la sensibile e la controsensibile non risolvono e l’accordo successivo non è detto che si trovi una 4′ sotto.
La settima è un “colore”, non ha funzione dominantica.

VARIANTI
Ci sono numerosissime varianti del blues.
Sopratutto da quando i jazzisti si sono impadroniti di questa forma musicale.
Propongo una variante da me armonizzata che ho trovato sul manuale: “Blues in all keys” della Jamey Aebersold jazz.
E’ fatta con voicing molto densi con dissonanze anche in posizione stretta, ho inserito molti tipi di accordi: accordi con 9′ maggiori e minori, tredicesime, 9′ aumentata.
Abitualmente, almeno in ambito classico sono un fanatico della correttezza della nomenclatura degli accordi e degli intervalli, ma ho visto che anche manuali molto quotati si prendono qualche libertà sopratutto per comodità di lettura.
A battuta 5 per essere coerente con la dicitura: “9′ aumentata”, sullo spartito avrei dovuto scrivere “Si diesis”, lo stesso a battuta 11 avrei dovuto mettere un “re doppio diesis”, per comodità di lettura ho messo gli equivalenti enarmonici.

blues_in_mi.mp3

Ho inserito una parte di basso a quarti, ho preferito un andamento lineare con note dissonanti di passaggio, piuttosto che un arpeggio delle note dell’accordo, notate che la tonica dell’accordo [sempre presente] è preceduta dalla sua “sensibile”, quindi raggiunta per semitono inferiore o superiore.
Notate la presenza di alcune successioni: II – V – I (misure 4-5, misure 8-9…) e il Turnaround delle ultime 2 battute.

Se desiderate il pdf dell’articolo con lo spartito:
blues_in_mi.pdf



Condividi su:
  • PDF
  • Print
  • Add to favorites
  • Facebook
  • Digg
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Ping.fm

Tags: , , , ,

I commenti sono chiusi.

Arichivio