Archivio per gennaio, 2010

OUVERTURE del “Flauto Magico” di Mozart: sonata o fuga?

28 gennaio 2010

OUVERTURE DEL “FLAUTO MAGICO”

Il “FLAUTO MAGICO” presenta aspetti contrappuntistici molto interessanti; molto particolare è la OUVERTURE che racchiude in sè alcune caratteristiche della FUGA (c’è un vero e proprio svolgimento con le entrate dei temi e relative risposte alla dominante) e aspetti formali della forma SONATA BITEMATICA TRIPARTITA (esposizione – sviluppo – ripresa). Continue reading “OUVERTURE del “Flauto Magico” di Mozart: sonata o fuga?” »

Manuali di CONTRAPPUNTO

23 gennaio 2010

Con quale manuale iniziare lo studio del contrappunto?
Bella domanda!
Sarebbe bene cercarsi un ottimo insegnante/compositore, ma per chi intendesse avvicinarsi a questo interessante argomento, da dove si può iniziare? Continue reading “Manuali di CONTRAPPUNTO” »

BLUES in MI

20 gennaio 2010

Realizzazione di un voicing per pianoforte di un blues in mi maggiore.

IL BLUES: Tutti i musicisti hanno suonato almeno una volta nella loro carriera un blues, tutti i chitarristi suonano il blues in Mi, tutti i pianisti hanno incominciato a improvvisare utilizzando le pentatoniche su un blues. La struttura tradizionale in 12 misure utilizza 3 accordi di settima di dominante costruiti sul 1′, sul 4′ e sul 5′ grado della scala, io vorrei proporvi una struttura un po’ più elaborata che ci permetta di utilizzare accordi diversi e cadenze diverse all’interno del brano. Continue reading “BLUES in MI” »

Il manuale di ARMONIA di Walter Piston

18 gennaio 2010

WALTER PISTON: “ARMONIA” Edizione E.D.T. Torino – ISBN 88-7063-049-8

Un ottimo manuale di armonia che ho consumato nel corso degli anni, mi era stato consigliato dal mio insegnante di composizione Roberto Favilla e dal clavicembalista Filippo Emanuele Ravizza con cui avevo preparato l’esame di armonia complementare.
Più di 500 pagine dense di contenuti ben spiegati con numerosi esempi tratti dai capolavori dei maestri dal 1600 al 1900. Continue reading “Il manuale di ARMONIA di Walter Piston” »

“Malafemmena”

17 gennaio 2010

Un classico della canzone napoletana.
Un brano che mette in luce lo straordinario talento (anche compositivo) di Totò: melodia semplice, accordi semplici, presa emotiva immediata.

Penso che fosse Mascagni ad affermare che “una delle caratteristiche di una buona melodia è la sua inevitabilità”.
In effetti la melodia di “Malafemmena” ha un andamento molto naturale. Continue reading ““Malafemmena”” »

Tchaikovsky – Danza araba – Il pedale doppio tonica/dominante

17 gennaio 2010

Il pedale è un artificio compositivo solitamente destinato a momenti particolari dell’architettura di un brano: un incipit con un pedale di tonica, un lungo pedale di dominante prima della conclusione, un pedale su cui si innestano gli stretti di una fuga…

E’ raro trovare interi brani concepiti su un unico pedale, si possono trovare nella musica popolare: pensiamo alle cornamuse che hanno una canna melodica e una di “bordone” con nota fissa, ma siamo fuori dal campo della musica classica.

Ancora più raro è trovare brani concepiti su un pedale doppio; la “Danza Araba” di Tchaikovsky dalla suite dello “Schiaccianoci” è uno di questi.
Continue reading “Tchaikovsky – Danza araba – Il pedale doppio tonica/dominante” »

Mozart “Requiem k626″ – Aspetti contrappuntistici dell’introitus.

15 gennaio 2010

GENESI DEL “REQUIEM”

C’è una lunghissima serie di scritti che trattano in maniera esaustiva le circostanze delle genesi di quest’opera, i miti e le leggende che l’annedottica ha creato, la dubbia paternità di molte sue parti, non voglio dilungarmi su questi aspetti.
Cito solo per chi volesse approfondirli, l’ottimo libro di H. C. Robbins Landon “1791 – L’ultimo anno di Mozart”, Garzanti.

Continue reading “Mozart “Requiem k626″ – Aspetti contrappuntistici dell’introitus.” »

IL “CANONE CANCRIZZANTE”

15 gennaio 2010

CANONE INVERSO – CANONE CANCRIZZANTE

I due termini, tra loro equivalenti, si riferiscono a un tipo particolare di tecnica contrappuntistica per cui due voci suonano la stessa parte ma, mentre la 1′ voce suona in maniera ordinaria, la 2′ voce suona la stessa parte dall’ultima nota alla prima.
C’è un esempio molto bello nella “Offerta Musicale BWV 1079” di J.S.Bach. Bach inserisce una chiave rovescita e le alterazioni rovesciate alla fine della composizione così che il lettore capisca che deve GIRARE IL FOGLIO e leggere dalla ultima nota alla prima.
Continue reading “IL “CANONE CANCRIZZANTE”” »

J.S.Bach – Coro iniziale dalla “PASSIONE SECONDO S. MATTEO”

13 gennaio 2010

IL “PEDALE” iniziale della “Passione secondo S.Matteo”

La passione secondo S. Matteo di J. S. Bach è uno dei capolavori dell’arte occidentale.
E’ un capolavoro di ispirazione, di fine artigianato, di maestria compositiva.
Comincia con un pedale di tonica nella tonalità di Mi minore.
Poche battute di grande fascino, poi il basso prende una scala ascendente che lo porta al 6′ grado , poi 5′, poi una battuta di dominante della dominante e poi un altro pedale, questa volta sulla dominante.

Il fascino di questo pedale stà nelle voci che si inseguono sopra di esso. Nella riduzione pianistica non sono immediatamente percepibili, ma all’ascolto, pur nell’intreccio contrappuntistico sono evidenti almeno tre voci/melodie: quarto puntato legato a un ottavo, poi 2 ottavi, etc…
Continue reading “J.S.Bach – Coro iniziale dalla “PASSIONE SECONDO S. MATTEO”” »

CRAZY RIVER – Michael Bublè

5 gennaio 2010

Michael Bublè: “Crazy River” – Reprise Record 2009 – Warner Music Group Company.

L’ho comprato dopo aver visto/sentito il video della traccia 5: “Haven’t met you yet”.
Questa canzone mi ha messo di buon umore, così d’impulso ho comprato l’album…

Continue reading “CRAZY RIVER – Michael Bublè” »

Arichivio